La Valle Tradita: il contributo di R&V Territorio

Di seguito, il comunicato stampa diramato dall’associazione R&V Territorio relativamente all’iniziativa dello scorso 22 gennaio.
 
Nell’assemblea pubblica promossa da Mons. Vinicio Albanesi a San Tommaso il 22 gennaio, le istanze rivolte agli amministratori dallo stesso moderatore e dalla popolazione sono andate tutte nella medesima direzione: promuovere lo sviluppo del territorio salvaguardandone l’identità. Mons. Albanesi è stato esplicito dicendo “non voglio che questa valle muoia ma non voglio che diventi una nuova bonifica (area industriale lungo l’Ascoli mare)”.
Come si può conciliare lo sviluppo con la preservazione dell’identità del territorio? Innanzi tutto con una progettualità di lungo respiro. Il territorio è un’entità complessa caratterizzata essenzialmente da due componenti, quella tangibile e quella intangibile.
La prima comprende le caratteristiche fisiche e strutturali, quali la situazione geografica e morfologica, la struttura urbanistica e le infrastrutture pubbliche, il patrimonio immobiliare e culturale, i servizi pubblici, la produttività e il mercato locale.
La seconda componente, strettamente connessa con la prima, è fortemente specifica di ogni area geografica e difficilmente riproducibile o imitabile; comprende lo “spirito” del luogo, i valori civili e sociali, le competenze produttive, le risorse umane e la maturazione sociale, gli scambi culturali ed economici, la leadership economica e culturale, il livello e la distribuzione del benessere e i meccanismi giuridici e amministrativi.
Il territorio quindi non è solo un insieme di servizi ma comprende anche tradizioni e costumi: tutto questo contribuisce a formare un’identità e una vocazione dell’area che ne comunica un’immagine distintiva e competitiva.
Se è vero che il territorio è tutto questo, e non solo un luogo dove piazzare questa o quella iniziativa industriale (centrale), sportiva (motodromo ed aviopista), ambientale (depuratore), turistica (parco alberelli) ecc., tra loro discutibilmente compatibili e forse interessanti solo per ristrette fasce di popolazione, si propone all’Amministrazione Comunale aprire un confronto pubblico per definire, secondo un approccio bottom-up (dal basso, di iniziativa pubblica), il disegno di sviluppo socio economico di questa vallata. Dovranno essere esplicitate strategie e piani di intervento, tipologia di azioni, categorie di beneficiari e risultati attesi.
 
L’Associazione R&V Territorio, promotrice del progetto “Parco Culturale degli Alberelli”, si rende disponibile a collaborare attivamente con l’Amministrazione Comunale per individuare e promuovere le strategie di sviluppo locale anche in un’ottica di sistema con le opportunità offerte dalle politiche infrastrutturali nazionali e comunitarie.
 
Loredana Alidori per R&V Territorrio 
La Valle Tradita: il contributo di R&V Territorioultima modifica: 2008-01-24T12:30:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo