Parco Alberelli: storia e teatro

Cari amici, il convegno su Vittore Crivelli è stato rinviato per motivi tecnico-organizzativi e per evitare sovrapposizioni con analoghe iniziative in corso. Non abbiamo ancora stabilito la prossima data ma riteniamo di poter tenere il convegno entro l’autunno.

Nel frattempo abbiamo prodotto una rappresentazione teatrale “……Anche solo il tempo di un respiro” che andrà in scena a Capodarco nei giorni 30-31 luglio e 1 agosto prossimi. Il testo, scritto e diretto da Marco Andrenacci, trae spunto da fatti realmente accaduti nelle nostre campagne anche se, ovviamente, la storia è stata adattata alle esigenze teatrali. Chi ha vissuto quei fatti purtroppo oggi stenta a riconoscere il luogo perché la casa non esiste più, è stata distrutta con l’escavazione dell’argilla. Il dolce degradare della collina è stato sostituito dallo sbancamento prodotto dalla cava; se i lavori proseguiranno il danno ambientale sarà irreversibile e quindi molto difficile riuscire a riqualificare il sito trasformandolo in “teatro parco”. Uno degli obiettivi del progetto Alberelli è infatti quello di utilizzare la cava per realizzare una cavea naturale, analogamente a quanto è stato fatto a Sirolo con il Teatro Le Cave, che sia in grado di ospitare eventi di notevole importanza e rivolti ad un grande numero di spettatori (concerti, rappresentazioni teatrali, ecc.).

La produzione di questo nuovo spettacolo teatrale è finalizzata quindi non solo a mantenere vive le storie del nostro territorio (analogamente a quanto fatto l’anno precedente con i Ricordi del monastero di Rivocelli) ma soprattutto a diffondere la conoscenza del progetto Parco Culturale Alberelli e la consapevolezza che lo sviluppo del territorio si realizza meglio con la sua preservazione piuttosto che con il consumo dissennato dello stesso.

af5b164530de06e9222d063a6eadebc0.jpg
 “…ANCHE SOLO IL TEMPO DI UN RESPIRO”

Rappresentazione teatrale, scritta e diretta da Marco Andrenacci, liberamente ispirata a racconti di guerra della campagna capodarchese

30-31 Luglio e 1 Agosto ore 21,30 – Cortile dei Clareni – Capodarco (dietro il vecchio teatrino)

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria al numero 334 1783713 dalle 18,00 alle 21,00

Note di regia

«E’ difficile anche per me descrivere cosa ho provato mentre ascoltavo le testimonianze di alcune persone che avevano vissuto le vicende a cui mi sono ispirato: “Vardì”, allora vispo ragazzino cresciuto in fretta “…A dodici anni eravamo già uomini” (dice questo con molto orgoglio), ora nonno tranquillo, ha gli occhi illuminati e golosi di vita come allora quando ricorda quel gioco tanto pericoloso e più grande di lui che era tirare avanti ogni giorno, in quegli anni di guerra, in quella casa in campagna dove erano nascosti quei militari inglesi. …La casa ora non c’è più, ora c’è una cava al suo posto! Adele invece, anche lei ora occupata nel ruolo di nonna, mi ha incantato quando con un sorriso innocente e semplice ha ricordato le scie dei proiettili traccianti che disegnavano le notti estive “sembravano i fuochi d’artificio delle feste”. Anche in quei momenti duri gli occhi di una ragazzina potevano tramutare strumenti di morte in visioni di gioia! Per mia fortuna conosco la guerra per averla letta nei libri dei grandi storici o per averla vista nei crudi servizi di un reporter; quella che ho rivissuto nei ricordi dei miei due ispiratori è comunque una guerra dura e violenta, ma è anche la guerra che mai nessun libro riuscirà a narrarmi o mai nessun reporter saprà illustrarmi… è la guerra vissuta, assorbita, rifiutata e accantonata nei ricordi.

Marco Andrenacci

 

Parco Alberelli: storia e teatroultima modifica: 2008-07-18T17:15:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento